Coordinate 44°40′39.62″N 11°02′34.83″E,  altitudine 20 m s.l.m., superficie 55,32 km², abitanti 15.921

La Partecipanza Agraria di Nonantola

I terreni della Partecipanza Agraria di Nonantola I terreni della Partecipanza Agraria di Nonantola

Le Partecipanze Agrarie sono una delle ultime forme di proprietà collettiva di terreni di origine medievale esistenti in Italia; in totale sono otto e sei di queste sono collocate nella pianura tra Modena, Bologna e Ferrara.

L’origine della Partecipanza Agraria di Nonantola si fa risale al 1058: l’abate Gotescalco del monastero di S. Silvestro, signore del luogo, attraverso una Charta Convenientiae, promise una serie di privilegi e terreni alla comunità e il popolo, in cambio, dovette costruire gran parte delle mura del borgo e garantire la protezione del castrum. Il monastero concedeva in usufrutto perpetuo alla comunità il diritto allo sfruttamento delle terre comprese entro certi confini; la trasmissione di questo diritto fu trasmessa in linea maschile e con l’obbligo di residenza.

Seguendo regole quasi immutate nel tempo, il patrimonio fondiario collettivo della Partecipanza viene ancor oggi periodicamente suddiviso, tramite un sorteggio, tra i discendenti delle famiglie originarie (sono 22 i cognomi delle famiglie nonantolane che beneficiano di questo diritto).

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.